Notizie

Apre Shimokita, il nuovo ristorante di tapas giapponesi firmato Luca Guelfi

published on: 9 maggio 2018
Apre Shimokita, il nuovo ristorante di tapas giapponesi firmato Luca Guelfi
L’11 maggio 2018 aprirà a Milano, in via Archimede 14, Shimokita, un vortice di colori, manga, robot e sashimi che mira a trasportare nella città meneghina un angolo di una delle città più amate e controverse del mondo: Tokyo. 
Ultima creazione dell’inesauribile estro creativo di Luca Guelfi, Shimokita è il locale dove fare aperitivo, cenare o fermarsi per un drink after dinner, nel cuore di quello che è il quartier generale del gruppo Luca Guelfi Company, a pochi passi dal messicano Canteen e il vietnamita Saigon. Shimokita è il nome di uno dei quartieri di Tokyo meno conosciuto dai turisti ma sicuramente uno tra i più apprezzati dagli abitanti della città, lontano dall’incessabile caos delle vie centrali. Shimokita è l’anima creativa, pop e underground di Tokyo, dove le giovani menti feconde della metropoli d’Oriente vengono a rilassarsi e rigenerarsi. Questa è l’atmosfera che aleggia anche nel Shimokita milanese, che vuole ricreare una Tokyo quasi tascabile, da assaggiare e sorseggiare come mai fatto prima d’oggi. 
In cucina lavorano in sinergia uno chef italiano e uno giapponese, Marco Fossati e Atsushi Okuda, per realizzare piatti innovativi, dove le classiche ricette giapponesi vengono rivisitate e rinnovate in chiave internazionale, con contaminazioni europee, asiatiche e sudamericane, e presentate in forma di tapas oppure roll, nigiri e sashimi. Anche il dessert è di ispirazione giapponese, realizzato dalla food designer Ilaria Forlani che propone gelati speciali Il bar è a sua volta luogo di ricerca e sperimentazione, e propone una selezione di birre giapponesi, signature cocktail e sake ricercatissima, da bere come aperitivo o dopocena ma anche durante il pasto, scegliendo l’abbinato consigliato per ciascuna ricetta. 
I graffiti che caratterizzano fortemente il locale, donandogli una personalità unica, sono stati realizzati da Mr. Wany, artista italiano di writing e street art noto anche per le sue partecipazioni alla Biennale di Venezia. Con i suoi graffiti Mr. Wany è riuscito a dare alle sale di Shimokita un effetto caleidoscopico, che avvolge e ingloba all’interno di una narrazione fumettistica, che include tutti i personaggi più classici della cultura manga. 
Alle audaci pareti si accostano perfettamente le ironiche TITS Lamp di Venini, che firma l’illuminazione del locale inserendo anche il lampadario Diamantei in entrata.

Le riviste

suitegdamac

Follow us on