Notizie

BROSS arreda il Restaurant Lazare a Parigi

published on: 22 maggio 2015
BROSS arreda il Restaurant Lazare a Parigi
All’interno di un’atmosfera in equilibrio tra tradizione e contemporaneità, la collezione Break di Bross diventa il complemento ideale. E’ il caso del Restaurant Lazare di Parigi, dove la poltroncina e la sedia disegnate da Enzo Berti arredano l’elegante sala da pranzo. 

E’ un posto per i viaggiatori, per chi può fermarsi per una pausa veloce aspettando di partire o di scoprire Parigi. Ma è anche un rifugio intimo e confortevole dove soffermarsi più a lungo, avvolto da materiali tattili e da dettagli retrò, secondo la più celebre tradizione stilistica dei bistrot. 
Il Restaurant Lazare, situato a pochi passi dall’omonima stazione ferroviaria della capitale francese, accoglie due anime funzionali e le rende complementari grazie ad un interior design fluido che varia le proprie componenti solo in base alla durata della sosta dell’utente. Legno, rame, ottone e pelle sono gli ingredienti principali di questo locale al quale si può accedere sia dal centro commerciale del complesso infrastrutturale che dalla piazza esterna: assecondando le potenziali esigenze del cliente, offre una zona bar, una sala con tavoli da pranzo e uno spazio relax con comode poltrone. 
Non ci sono nette suddivisioni tra un’area e la successiva che costituiscono piuttosto i segmenti di un progetto unitario, così raccontato dall’interior designer Karine Lewkowicz: “Sono partita studiando con grande attenzione il flusso. Immaginavo un luogo dinamico ma soprattutto elegante, che potesse diventare un punto di riferimento non solo per i passeggeri in transito ma anche per gli stessi parigini. L’atmosfera è fortemente caratterizzata da arredi e complementi che esprimono la matericità e trova poi il naturale equivalente nella cucina e negli esperimenti gastronomici di Eric Frechon, chef pluristellato titolare del Restaurant Lazare. E’ un progetto unico fatto di piccoli pezzi, contemporaneo eppure senza tempo”. Ad incorniciare dall’ingresso dominato da un bancone in legno e metallo una pavimentazione a motivi esagonali, interrotta per la sala da pranzo da una superficie monocromatica dai toni antracite che contrasta con le scaffalature delle pareti, dove le stoviglie sono riposte a vista. 
I tavoli con top in Corian e base in ottone sono serviti dalle sedute della collezione Break di Bross che rinnovano con la loro sagoma avvolgente il linguaggio scelto da Karine Lewkowicz: l’alternanza tra la versione a poltroncina e la sedia costituisce un delicato motivo decorativo, accresciuto dallo stesso design del prodotto. Break, linea firmata da Enzo Berti, ha infatti una scocca in legno rivestita in pelle che all’interno della seduta disegna sottili righe verticali e crea un gioco di dettagli di grande raffinatezza. Le gambe in legno di noce massello richiamano poi gli arredi fissi alle pareti, in risalto rispetto al bianco del soffitto costellato dalle tracce degli impianti lasciati a vista. L’equilibrio tra tradizione e contemporaneità, leit motiv dell’intervento, è sintetizzato con grande efficacia nei prodotti forniti da Bross, che abbinano ad una forma armoniosa e funzionale la massima cura artigianale del dettaglio e una minuziosa attenzione alla qualità.

Per saperne di più su: BROSS ITALIA

Newsletter

Trattamento dei dati personali ai sensi della legge vigente sulla privacy (art. 4 D.Lgs. 196/03)

Le riviste

suitegdamac

Riflessi at Design Week 2017

Milano Design Week 2017

Follow us on