Realizzazioni

BALLY FLAGSHIP STORE

it en
BALLY FLAGSHIP STORE
Il nuovo Bally flagship store londinese di New Bond Street, progettato da David Chipperfield Architects, si ispira all’estetica del primissimo negozio Bally progettato da Marcel Breuer negli anni Venti. 
Questo era organizzato con centinaia di scatole da scarpe impilate lungo le pareti, poltrone ed espositori posizionati centralmente, che sottolineavano non solo le calzature ma anche l’attenzione del brand verso i clienti. 
Il nuovo concept ha cercato quindi, a partire da una fotografia storica ritrovata negli archivi dell’azienda, di rispristinare, attraverso il caratteristico design, l’originale esperienza d’acquisto. 
Il flagship, distribuito su tre livelli per una superficie di circa 400 metri quadrati, è situato in un edificio d’angolo fra New Bond Street e Maddox Street. 
Visibile già dall’esterno, grazie alle ampie vetrine incorniciate da un rivestimento in pietra di Portland, il nuovo design incuriosisce clienti e visitatori.. 
All’interno, una serie di schermature e pareti in legno di noce, curvati in prossimità degli angoli, definiscono i vari ambienti. Queste elementi compongono una griglia che, formata da listelli disposti orizzontalmente e verticalmente, supporta non solo le scaffalature ma anche il lighting design. 
Un altro elemento che caratterizza lo store è la parete a trama regolare, sempre in legno di noce verniciato bordeaux, concepita in realtà come una cassettiera che rimanda alle scatole colorate impilate del primo negozio Bally. 
Negli spazi centrali, mobili e vetrine e specchi sono realizzati con supporti in ottone, e richiamano nelle forme i mobili originali di Breuer. 
A completare il negozio, una postazione con seduta in pelle nera dove è possibile lucidare le calzature, circondata da diverse poltrone che, rivestite di diversi colori, animano lo spazio. 

Crediti fotografici: David Chipperfield Architects, Bally

Città: LONDRA

Status: Completed

Anno di realizzazione: 2014

Progettista: DAVID CHIPPERFIELD ARCHITECTS

Fotogallery

Le riviste

suitegdamac

Follow us on