Realizzazioni

CAFFE' STERN

CAFFE' STERN

Uno chef tre stelle Michelin, uno dei più acclamati creativi internazionali e uno degli angoli più suggestivi della Ville Lumière: le premesse sembrano più che soddisfatte per poter dare inizio ad un’operazione di indubbio successo. Nel dettaglio si sta parlando dei fratelli Alajmo, del geniale designer Philippe Starck e dell’antichissimo Passage des Panoramas a pochi passi dall’Opera, che ospitava al numero 47 l’Atelier Stern, Monumento Storico di Francia. La destrezza con cui Alajmo seleziona gli ingredienti con i quali dà forma e sapore ad esperienze sensazionali è pari a quella che ha dedicato alla definizione del Caffè Stern, la sua nuova casa nel cuore di Parigi che in una manciata di giorni è riuscita a provocare la curiosità internazionale e a farsi ribattezzare come “un locale senza precedenti”. I battenti sono stati aperti il 18 settembre 2014: la targa che sovrasta l’ingresso è quella sopravvissuta alla precedente attività; i due animali imbalsamati che osservano gli avventori dalle vetrine incorniciate da pannellature di metallo verniciato nero sono gli stessi che il proprietario della galleria Renè Stern aveva scelto per rappresentare l’esercizio; la targa in marmo intarsiata nel pavimento della galleria in corrispondenza della porta è infine quella autentica del 1890. Ogni centimetro di superficie degli ambienti, ogni dettaglio e ogni particolare è stato restaurato dall’architetto Dominque Averland: cornici dorate, boiserie in legno, cassettoni e decori, pomelli di bronzo e cristalli, intarsiature lavorate a mano da maestri artigiani dell’800 e parquet a lisca di pesce sono stati recuperati per diventare lo sfondo prezioso del Caffè Stern. E’ su questo sfondo che Philippe Starck ha elaborato il progetto di arredo, consapevole dell’occasione “ magica, poetica e surrealista” come lui stesso l’ha definita. “L’incontro tra Stern e i fratelli Alajmo è stato un momento magico” spiega Philippe Starck che prosegue: “Come l’atelier Stern, gli Alajmo – i due fratelli di Padova, ora stabiliti anche a Venezia – coltivano l’eccellenza e l’originalità. Per onorare questo incontro, abbiamo modificato il meno possibile la classe e il patrimonio storico dello spazio a disposizione; e abbiamo più semplicemente perfezionato la magia esistente. Il risultato è un luogo di perfezione, probabilmente il bacaro più piacevole del mondo. Ogni visita a Caffè Stern è un viaggio attraverso il tempo, la storia, la cultura e un invito alla creatività e all’eccellenza.”
Tavolini e sgabelli in metallo, poltroncine con sedute e schienale imbottito rivestite in pelle di color nocciola, piccole panche addossate alle vetrine completate da cuscini della medesima tonalità delle sedie e semplicissime bacchette luminose sospese o a parete si accostano alla struttura con straordinaria armonia. Il bancone bar è anch’esso in acciaio ed è ritagliato da un inserto in vetro che mostra ai clienti i succulenti apertivi secondo la migliore tradizione italiana e veneziana. Inizia proprio qui, appena varcata la soglia, il parabolico crescendo di espressioni di gusto ad ogni livello che è il miracolo compiuto di questo piccolo spazio bohemien.
Di Beatrice Vegetti
Pubblicato su Suite n.172 dicembre 2014

Città: PARIGI

Status: Completed

Anno di realizzazione: 2014

Progettista: PHILIPPE STARCK

Fotogallery

Le riviste

suitegdamac

Follow us on