Vetrina

Ridefinire gli orizzonti della personalizzazione dei prodotti

published on: 9 aprile 2019
Ridefinire gli orizzonti della personalizzazione dei prodotti
Una nuova sfida, tanto sul fronte concettuale quanto economico, per il settore del mobile. Nella quale Hettich intravede una grande opportunità e sceglie di portare a un nuovo livello le opzioni di personalizzazione dei prodotti basate su concept a 360°.  

Con Fascin[action], Hettich ha già definito tre dimensioni dell’esperienza che motivano i consumatori al momento dell’acquisto di mobili: stile da vivere, comfort da godere e spazio da conquistare. Il nuovo io dell’acquirente promuove inoltre esponenzialmente i prodotti personalizzabili che vanno, com’è ovvio, a integrarsi nel rispettivo modello personale di valori e stile di vita. In altre parole, non si acquista più un mobile, ma qualità di vita, flessibilità e sostenibilità. 
Gli acquirenti di cucine e mobili diventano così un gruppo eterogeneo, in cui ogni singolo individuo desidera sentirsi coinvolto a livello personale ed emotivo. 

Possibilità di personalizzazione come nuovo standard 
Offrire valore aggiunto ai consumatori attraverso la possibilità di personalizzare i mobili all’insegna dell’economicità costituisce ormai da anni uno dei principi della filosofia di Hettich. I concetti di piattaforma per i sistemi per cassetti ArciTech e InnoTech Atira offrono già oggi ai clienti la possibilità di realizzare una vastissima varietà di prodotti e design sulla base di un’unica spondina. 
A partire dall’idea di piattaforma, Hettich si concentrerà in futuro su concept olistici con soluzioni di prodotti suggestive, in grado di applicarsi agevolmente a tutti gli ambienti abitativi, aprendo la strada a nuove idee di arredo. All’Interzum 2019, Hettich presenterà soluzioni e concept olistici esclusivi finalizzati al comfort, al design e allo spazio, che fanno della possibilità di personalizzazione un vero e proprio standard.

Pad. 8.1, stand D30/E41 

Per saperne di più su: HETTICH ITALIA

Fotogallery

Le riviste

suitegdamac

Follow us on