Prodotti

TURBIX

TURBIX

Azienda produttrice

La gamma delle centrali aspiranti Sistem Air è in grado di coprire le più svariate esigenze di aspirazione delle polveri, dal settore civile a quello industriale. Fa parte della gamma Turbix, il separatore ciclonico che, grazie al suo nuovo concept, consente di non avere più filtri da pulire.
Grazie al separatore Turbix diventa possibile aspirare anche le polveri fini, e la pulizia del filtro diventa un ricordo.

Un impianto sempre più diffuso
Il sistema aspirapolvere centralizzato rappresenta un impianto che negli ultimi anni ha riscosso un consenso sempre maggiore, diventando una dotazione prevista in un numero crescente di situazioni. Infatti la richiesta giunge non più solo per ville o alberghi: grazie alla vasta gamma di prodotti specifici realizzati da Sistem Air, è possibile proporre soluzioni adatte sia ai piccoli appartamenti (anche in caso di ristrutturazione), che all’industria, dove il sistema permette di risolvere i problemi di produttività e costi di manutenzione legati alle pulizie.

La separazione ciclonica
Turbix appartiene alla famiglia dei pre-separatori: accessori che vengono installati al termine della tubazione di aspirazione polvere, prima della centrale aspirante, con lo scopo di intercettare parte dello sporco prima che si depositi sul filtro della centrale stessa.
La sua particolare forma conica permette di effettuare la separazione ciclonica delle polveri dall’aria aspirata senza ricorrere ad alcun tipo di filtro: all’interno del cono l’aria aumenta di velocità, e tutto lo sporco aspirato, sia quello più pesante che le polveri impalpabili, vengono trattenute nel secchio grazie all’effetto ciclone che si forma.

Grande efficacia
L’efficacia è sorprendente: oltre il 90% delle polveri aspirate viene trattenuto dal separatore. Dunque non sarà più necessario pulire il filtro della centrale, che è comunque presente come filtro di sicurezza (che permette di preservare il motore nel caso di mancata manutenzione del Turbix): l’utente dovrà semplicemente provvedere allo svuotamento periodico del secchio raccolta polveri del separatore, mentre quello della centrale andrà controllato annualmente.
Il vantaggio non è solo quello di semplificare la manutenzione: grazie a questo accessorio il sistema centralizzato può essere utilizzato per aspirare una serie di materiali che altrimenti ostruirebbero rapidamente il filtro della centrale, obbligando ad una sua frequente pulizia, a discapito della comodità di utilizzo.

Con Turbix diventa possibile aspirare:
- foglie/terriccio
- sabbia/polveri fini
- capelli/pelo degli animali
- trucioli/segatura
- cenere

Utilizzo industriale
Per questo motivo il numero delle possibili applicazioni del sistema centralizzato si allarga in maniera consistente, sia dalle piccole attività professionali che, in maniera amplificata, nell’industria.
Fino ad oggi, infatti, uno dei limiti della diffusione del sistema centralizzato di aspirazione era rappresentato dalla sua scarsa idoneità ad aspirare le polveri fini, che spesso vengono prodotte nelle applicazioni industriali, facendo preferire aspiratori carrellati, magari dotati di filtri speciali, caratterizzati da costi di acquisto elevati, scarsa praticità e vita limitata nel tempo. Grazie al sistema di depolverazione questi limiti sono superati, portando a pieno titolo l’aspirapolvere centralizzato tra gli impianti di primaria utilità, in grado di garantire un risparmio nei tempi e nei costi di esercizio che ne rendono ulteriormente vantaggiosa l’installazione.

Che cos’è l’aspirapolvere centralizzato
È un impianto che permette di effettuare le pulizie nella propria casa in maniera efficace e igienica.
L’elemento principale del sistema è la centrale aspirante, che può essere collocata in un locale di servizio o sul balcone: da essa si dirama una rete tubiera, posizionata sotto il pavimento, a parete o nel controsoffitto, la quale va a terminare nei diversi locali con le bocchette aspiranti; per effettuare le pulizie basta innestare il pratico tubo flessibile in dotazione in queste bocchette.

Fotogallery

Le riviste

Follow us on