Progettisti

EMILIO NANNI

EMILIO NANNI
Emilio Nanni architetto, designer e artista, si è laureato in Architettura nel 1984 presso la stessa facoltà dell´Università di Firenze dove ha svolto in seguito attività didattica dal 1990 al 1998. Lo studio Nanni si occupa di architettura, interior design, industrial design, direzione artistica e consulenza alla comunicazione, collaborando con importanti aziende italiane. Ha collaborato con: Accademia, Bross, Calligaris, Cabas, Curvet, Franchi, Guzzini, Isedit, Maxid, Montina, Mdf Italia, Progetti, Tonelli, Zanotta. La sua attività è stata valorizzata da molti premi e riconoscimenti. Ha partecipato a numerose mostre, tra le quali: Young e Design, premio Cosmit 1990, premio Topten 1992, Abitare il Tempo l’oggetto neoeclettico 1993 , Aperto Vetro 2000 Biennale di Venezia, Adi Design Index 2001 (Drake Tonelli), Adi Design Index 2002 (Drop Zanotta), Adi Design Index 2003 (Orbita Maxid), Food Design Triennale di Milano 2004, Sensidivini Triennale di Milano 2004, Il Design della Gioia Triennale di Milano 2004. Il suo lavoro ha trovato citazioni su numerose riviste specializzate italiane ed estere. Svolge parallelamente, come pittore, un’intensa attività espositiva e le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero.

www.emilionanni.it

Città: BAZZANO

Nazione: ITALIA

News

Realizzazioni

Design

  • SYRO

    Nell’ affermazione della tendenza di allestire il living con tavoli di appoggio appartenenti allo stesso tratto ma diversi per dimensioni, colore e grafia, si inserisce SYRO: un trittico di piccoli tavoli con piani in metallo, sostenuti da un’esile struttura in tondino metallico e caratterizzati da...

  • INK

    Si chiama Ink la nuova collezione di tavoli con piani rivestiti in tessuto resinato, concepita da Emilio Nanni per Zanotta. “L’idea d’inserire il tessile sul piano mi ha subito conquistato per la possibilità di creare un complemento che potesse entrare in relazione con gli altri elementi morbidi...

Video correlati

Le riviste

Follow us on